Iscriviti alla Newsletter

home » community » concorsi »

Racconta la solidarietà – I premio nazionale

I vincitori

Marta Bellingreri
con il racconto Raccontami del vento e della sala parto

Dario Sferrazza
con il racconto Il volontariato è come una gita in montagna

I giovani rappresentano una preziosa risorsa per il miglioramento delle condizioni di vita di tante persone, che vivono in una condizione di malattia o di povertà. Povertà materiale, spirituale e morale. Il loro entusiasmo e la loro voglia di fare possono generare processi virtuosi di cambiamento, incisivi ed efficaci dove le lentezze della macchina politica e i meccanismi economici – mossi unicamente dal profitto – rischiano di dimenticare o addirittura calpestare i diritti umani.

Le culture occidentali, nelle quali il benessere è diventato la misura dello sviluppo e dell’ordine sociale, hanno creato spesso intorno ai giovani un clima di disinteresse se non addirittura di sospetto verso chi vive nell’indigenza (immigrati, senzatetto, malati). Ciò ha dato vita ad un concetto troppo riduttivo di sviluppo e di solidarietà, considerata quasi esclusivamente nei suoi elementi socioeconomici, senza prestare sufficiente attenzione ai fattori culturali e spirituali che sono motivi e componenti essenziali di essa.

 

Obiettivi
Il Premio, rivolto a giovani italiani residenti su tutto il territorio nazionale, si propone di offrire una occasione di riflessione e di scambio di esperienze sul tema della responsabilità sociale. Esso si pone in particolare i seguenti obiettivi:

  • diffondere tra i giovani la cultura della solidarietà, che racchiude in sé l’atto del dono e della gratuità per la costruzione di un mondo più giusto;
  • riscoprire il valore della creatività come uno degli strumenti possibili per la soluzione dei problemi delle popolazioni disagiate;
  • permettere a giovani interessati alla tematica della solidarietà e della cooperazione internazionale di vivere un’esperienza sul campo che possa essere utile sia da un punto di vista personale che professionale.

 

Destinatari
Il concorso si rivolge a giovani italiani maggiorenni che non abbiano compiuto 28 anni alla data di scadenza del bando.

 

Modalità di partecipazione
La partecipazione è gratuita. Ogni concorrente dovrà presentare un lavoro che tenga conto della seguente traccia:

“Camminavo immerso nella mia giornata, mi hai visto, ti ho guardato… e mi hai preso per mano” Essere giovani volontari oggi. Raccontaci storie, volti ed immagini che ti hanno spinto ad impegnarti nel mondo del volontariato. Le motivazioni, le sfide, gli strumenti, il cambiamento in te ed intorno a te.

E’ possibile partecipare con una di queste tre tipologie di elaborati:

Racconto: il racconto deve avere una lunghezza compresa tra le 30.000 e le 40.000 battute (spazi inclusi). Il soggetto può essere di fantasia oppure il resoconto di un’esperienza vissuta.

Saggio: il saggio deve avere una lunghezza compresa tra le 30.000 e le 40.000 battute (spazi inclusi).

Video: il video deve avere una durata compresa tra i 5 e i 10 minuti ed avere una struttura narrativa (non verranno prese in considerazione presentazioni di fotografie con musica).

Ciascun concorrente dovrà inviare in busta chiusa 4 copie del proprio elaborato (in formato cartaceo i racconti e i saggi, su DVD i video) senza indicare il proprio nome e cognome . All’interno della busta andrà inserita un’altra busta chiusa contenente:

  • il titolo del proprio elaborato;
  • i dati anagrafici del concorrente: nome, cognome, data e luogo di nascita, residenza;
  • copia di un documento di identità;
  • un breve Curriculum Vitae;
  • una breve lettera di motivazione e di presentazione ( perché sono interessato a partecipare, cosa mi spinge verso il volontariato, ecc. ).

Nel caso di racconto o saggio, ogni concorrente dovrà inoltre inviare all’indirizzo info@cogitoetvolo.it una copia del documento in formato Word.
Gli elaborati dovranno pervenire entro il 31 maggio 2012 a:

 

“Cogitoetvolo – Racconta la solidarietà”

c/o Arces

via Volontari Italiani del Sangue, 33

90128 Palermo6

 

Non farà fede il timbro postale . I lavori non verranno restituiti. Tutti i lavori presentati diventano proprietà di Cogitoetvolo al momento dell’acquisizione. Cogitoetvolo e la Fondazione Angelo Affinita Onlus si riservano la possibilità di pubblicare i lavori che saranno ritenuti idonei alle finalità del concorso.

 

Premi
Ciascuno dei quattro migliori lavori (indipendentemente dalla tipologia) verrà premiato con una borsa di studio volta a coprire il costo, fino a un massimo di 1.000 euro , per la partecipazione a uno dei seguenti progetti di cooperazione promossi dall’Istituto per la Cooperazione Universitaria (ICU) per l’estate 2012, in co-finanziamento con la Fondazione Angelo Affinita ONLUS:

  • Nicaragua Work Camp 2012 – dal 24 luglio al 14 agosto
  • Perù, Work Camp 2012 – dal 30 luglio al 16 agosto
  • Kenya, Work Camp 2012 – dal 28 luglio al 15 agosto

I vincitori dovranno produrre un report (fotografico, video, narrativo) relativo all’esperienza estiva.
I 10 i lavori migliori verranno premiati ed esposti nel corso di un evento finale oltre ad essere pubblicati sul portale di Cogitoetvolo e sul sito internet della Fondazione Angelo Affinita ONLUS.

 

Giuria
Gli elaborati dei concorrenti verranno esaminati da una Commissione composta da un membro individuato dalla direzione di Cogitoetvolo, uno dalla Fondazione Angelo Affinita e un terzo dal Segretario generale dell’Istituto per la Cooperazione Universitaria (ICU).
La commissione, nell’esprimere la sua valutazione sui lavori pervenuti, terrà conto dei seguenti criteri: contenuto (attinenza al tema del concorso, originalità), aspetti tecnici (competenza narrativa, uso del linguaggio specifico –linguistico o visivo).

Il giudizio della Commissione è insindacabile.

 

Informazioni
Eventuali informazioni e chiarimenti sul concorso potranno essere richiesti a info@cogitoetvolo.it

 

Scarica il bando in formato PDF

Scarica la locandina del concorso

 

Il concorso è promosso da:

 

 

Tag: volontariato

Il Testimone - PIF e la sua insistente domanda: "perchè tutti sottovalutano il pile?"
La pubblicità serve a coprire i costi del sito. Il contenuto non è deciso da noi. Segnalaci eventuali banner indesiderati o incoerenti con le finalità del sito.





Articoli correlati

  • Pronuncia il mio nome
    Di Pronuncia il mio nome è molto interessante la genesi: Tommaso e Alessandro, due amici, studenti universitari, nell’estate del 2010 partecipano a un progetto di ...
  • E!State Liberi: qui la camorra ha perso
    Mare, montagna, lago o Casal di Principe? Nuoto, arrampicata, relax o lavoro in territori confiscati alla mafia? Oltre seimila giovani, quest’estate, hanno dato la risposta ...
  • Servizio Civile Nazionale: un trampolino di lancio per la vita
    «Perché si trovava lì? Con una laurea in lettere classiche in fila per quel colloquio. Bella prospettiva: dopo aver dato l’anima per tre anni alla ...
  • L’angelo di Kabul
    Un uomo cammina sotto i portici nel centro storico di Ceva (Cn). Ha un’andatura lenta e sorregge l’anziano padre con un braccio. Indossa un paio ...
  • Fare scuola di notte e per strada…tutto l’anno
    Ogni lunedì sera da molti anni, dalle 21.30 a mezzanotte, facciamo scuola a Catania ed anche d’estate! Non un corso serale, ma un’esperienza di volontariato ...